Le mie poesie

Prendo vita
Prendo vita
da un’acqua materna,
raccolta in tralci
di sangue sapiente
e destino che matura.
Il cielo crea
la mia impronta
e mi immerge
in equilibri di luce,
fiducioso
delle mie chiare fondamenta.

Dialogo di 2 anime 
” DIMMI se tutto un orizzonte
ci regge entrambi
per salvarci la pelle
d’azzurro.
Un buon trionfo di luce
mi ricalca l’anima
come sonorità maschile
d’aurore.
Cogli dal mio esistere
la formula
di un credo fiducioso.
Possiamo rifugiarci
nelle stanze di un silenzio…
ed aprire
parole come confini.
Il nostro incontro si perse,
con tracce d’anima…
che disposi nel mio io.
Legai le corde di un aquilone…
lo feci volare…
come pensiero
che sa attraversarci.
VEDEMMO NASCERE…
AL SOLE…
IMPARAMMO VIA.
(poesia a 4 mani di Michela Zanarella e Vincenzo Cinanni)

Il rumore della polvere
Non c’è che il rumore della polvere
in questa strada bianca
decorata da croci accecate
da polline astratto, rosso scarlatto.
Poco il sole che si concede
agli occhi danzanti del destino.
E’ l’azzurro a storcere le labbra
e a stringere a sé il vuoto.
Questa terra porta l’amaro
di docili fiati d’ebrei che si svuotano
tra capricci d’arie spinate,
questa terra somiglia
alle vene di un tramonto
costretto a brindare col male
e a tingersi il volto di nebbia.
Rastrellano carni e ghiaie
i gas alle baracche,
numeri in stoffe zebrate
si abituano in fretta
a profili di lager.
Salive adulte e bambine
inciampano rapide in uno sparo.
Non c’è più tempo per esistere.
Nudi orrori dormono in fila
accanto alla neve.

Natale a Monteverde
Palpita di celeste il quartiere.
Ai vetri un dicembre impaziente
penetra tutto,
gente, asfalto, una ragione che non esiste.
Io mi potrei perdere
in carnagioni di luce,
nelle fibre di voce di un gelo
in attesa di sacralità.
Una fermezza antica
mi perlustra il petto di candore,
chiama in vita il Natale,
un ardere di pace e giochi alberati.
Sull’uscio degli occhi
un calore rosso
si stacca e va ad infrangere
l’ortica
che lontana ha il mio intimo
odore di casa.

Alla città dei sensi
C’è pelle che prega
carezze vestite d’amore
e nei sentieri rosa
incide il suo destino.
Viene un vagare dolce
di sospiri senza stagione,
effervescente l’istante
si fa luce tra fianchi
e vapori.
Nell’acqua più antica
del piacere,
tra filari di brividi
e piramidi di voce,
io corro alla città dei sensi.
Tu dici vado in mare
nei miei baci,
ti muovi in me
con le pupille ebbre d’esistenza.
Teneramente esploro
gli scogli del tuo fiato,
la città vive
ed io penso a morire
negli angoli delle tue labbra.

Io nell’ amore
Io nell’amore,
in mezzo ad orti di fiato
rivelo agli istinti umiltà.
Sempre un brivido senza vento
rincorre pianerottoli di voce
dove la notte insegna un chiudersi
di labbra agli orizzonti.
Mi chiami il torrente
al mistero sacro del piacere
contro il fusto d’occhi e gelsi,
mentre le pelli giocano in grido
alla verità dei bambini
come aromi innocenti al primo
passo in sogno.
Ciò che le ciglia attendono
è l’incantesimo di un seno in agguato,
assorto tra metallici riflessi
di una schiena che cade aggredita
dal vapore d’ignoto.
Ho sceso i destini tanto simili
all’irrequietezza del tempo
e nell’ affrontare la luce
ho impedito che il fuoco
uscisse dalle nostre unghie,
dal nostro palato.

La casa degli istinti
La linea del cielo
risciacqua una poesia
nella tua voce.
Io sto in ascolto.
Con il cuore da bambina
soffio l’infinito che si specchia
nell’aria
e rinasco nel sughero della tua bocca.
La casa degli istinti è vicina,
sotto la buona pioggia di un tremore,
dentro l’onda giovane di uno sguardo
senza misura.
Le mie labbra nascondono fulmini,
una sequenza di baci illuminati,
l’ossessione paziente
di un amore che copre intere stagioni,
zolle, orizzonti.
Cade passione su tutte le vene
e così vivo e ferisco di gioia
il fondo della memoria.
Ti vengo a cercare nella capigliatura
dell’anima e
ti trovo rugiada che veglia
piacere eterno sul pavimento
degli occhi.

I pazzi ridono di notte
Intorno a me follie bellissime
rovesciano la mente
e mi schiantano nel buio
ad imparare l’assurdo.
I pazzi ridono di notte
e non importa il gioco di una rima
o la croce di un mondo
che condanna.
Più ridono del rumore
del loro orizzonte,
mentre abbracciano ghiaccio
e confuse lacrime,
più intrecciano libertà
ad alberi e saggezza.
Pure il mio spirito
è gola e bocca
per carestie di ragione.
Noi, maledetti nel sangue
e nel midollo,
sappiamo rotolare tra gli abissi
e ritardare il grido della morte,
stringendo tra i denti altri cieli.

Nel tempo della luna
Mi sfiora ogni notte la tua anima
e nel tempo della luna
il silenzio cerca tra le lenzuola
le acque di un amore in fiamme.
Mi sveglia una luce di ciglia
assetata della mia carne.
La passione vive quando ancora
il cielo tace.
E quel frugare tra le labbra
eternità,
quel gridare all’alba il volto del piacere
è eco di paradiso sul cuore.

Vado per il tuo corpo
a vivere l’amore, che già grida
a piedi scalzi.
Dalla tua fronte bevo
gocce salate di notte in cielo.
Una passione ignota prende le ghiaie
di nudo tremare.
Lunga la strada al piacere
mette esilio nei tuoi occhi.
Vado per il tuo corpo
a spingere in cuore dolcezza,
a rompere l’onda precoce
d’istante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *